Early access
23 Novembre 2015

Iniziamo la settimana affrontando un discorso un po’ controverso: i giochi in early access. Come ormai è consuetudine molte case di sviluppo ci propongono l’acquisto dei loro prodotti a lavori in corso; l prezzo richiesto è quello però del prodotto finito. In pratica si paga per poter giocare ad alcune sezioni prima dell’uscita sul mercato, senza però avere certezze sul prodotto finito. Ossia non ci garantiscono che alla fine il gioco sia quello proposto all’inizio. Ci sono stati casi infatti dove gli utenti si sono poi ritrovati tra le mani una cosa completamente diversa da quella che si aspettavano e per cui avevano pagato. Insomma, i sogni spesso non si realizzano…

Parto col dire che la trovo una pratica ignobile, davvero non vedo nessun motivo, ripeto NESSUN motivo per cui uno debba giocare ad un titolo ancora in sviluppo. Ma che senso ha spendere i propri soldi per un prodotto NON finito? Insomma ci si lamenta tanto per le patch al day 1 (che per inciso dovrebbero servire a migliorare l’esperienza e a risolvere qualche problema) e poi via di corsa a “divertirsi” con un gioco pieno di bug, senza livelli completi e che poi potrebbe pure differire dal prodotto finito. Ma pagato comunque a prezzo pieno in anticipo. E senza garanzie. Pazzesco. Ci sono utenti di Steam che non fanno altro che giocare titoli in early access, ma vi sembra normale? Il catalogo sconfinato che si ha a disposizione (è vero, c’è tanta immondizia, ma questo discorso merita un editoriale a parte) viene accantonato in favore di prodotti incompleti. Ma perché io mi domando? E’ senz’ombra di dubbio un diritto di ognuno spendere i propri soldi come meglio crede, ci mancherebbe altro, ma non si è andati un po’ troppo oltre? Credo che giocare un titolo quando è il momento di farlo (ossia una volta rilasciato ufficialmente) sia la soluzione migliore, ma è solamente il mio punto di vista. Intendiamoci, io non sono nemmeno a favore delle beta aperte al pubblico, ma tant’è, almeno quelle sono gratuite e danno la possibilità di provare dei giochi a cui si è interessati. Ma anche in quel caso non ci sono i beta tester pagati per quello? Ormai gli sviluppatori hanno capito che è meglio risparmiare dei soldi quando ci sono gli utenti che fanno il lavoro gratis……Vi prego, piantiamola di dare queste opportunità, non ne hanno bisogno. Anzi, magari torneranno a darci delle demo come una volta….che bei tempi!

Stay nerds.

@andibianchi


@andibianchi
HOMETUTTI
TORNA SU